Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.

Diverse forme di violenze


Nella Psicoanalisi dell'amore, Erich Fromm affronta l'argomento violenza.


Vi sono diversi tipi di violenza e ciascuno corrisponde a una rispettiva motivazione inconscia. E' solo attraverso la comprensione inconscia del comportamento che si riesce a comprendere le motivazioni, le sue origini, il suo decorso e la sua carica di energia. Si passa da un tipo di violenza più normale a un'altra gradualmente più importante e grave.
La più leggera forma di violenza è quella "ludica" che si esercita per ostentare abilità e non è motivata nè da odio, nè da distruttività. Vi è poi un tipo di violenza reattiva, esercitata per difendere un proprio bene che può essere la proprietà, la dignità, la libertà e si mette in atto per timore. Questo tipo di violenza ha per fine la conservazione. Anche la frustrazione produce una violenza reattiva, vale a dire un comportamento aggressivo, quando venga frustrato un desiderio o un bisogno. Ci sono poi sentimenti come l'invidia e la gelosia, due tipi di frustrazioni che danno luogo alla violenza.
Un tipo di violenza molto più alta è quella vendicativa. Nella violenza reattiva si cerca di opporre resistenza all'offesa, ma d'altra parte, qui l'offesa è già stata arrecata e non la si mette in atto per difendersi, ma per annullare l'offesa ma in modo irrazionale, con la rivincita. Talvolta la vendetta diventa necessaria, quasi lo scopo della vita. Si può avere anche un'altra reazione alla violenza, quando una persona profondamente delusa può cominciare a odiare la vita.


C'è poi l'impulso al controllo totale e assoluto su di una persona e questo è sadismo.
Molto spesso dietro alla violenza c'è una vita non vissuta, ci sono sentimenti repressi, ascolti non avuti, attenzioni non ricevute.


Analizzare le motivazioni della violenza è una pretesa alquanto difficile, presuppone itinerari di vita contorti e non sempre facili, disattesi o demotivati.
Ci sono poi tipi di violenze subdole, quelle che si presentano quasi come cortesie ma che sfociano lentamente in insofferenza, disturbo, fastidio e si traducono in atti poco gentili e poi sempre più decisi e convincenti tanto da esercitare sull'altro la propria volontà.
Questi tipi di violenze non possono essere inquadrati, sono  difficili da scorgere e per essi non c'è alcuna prevenzione o possibilità di evitarli. Accadono come eventi e basta, quasi fossero casi del destino o peggio momenti sa superare.
Capire la violenza è un modo per attuare strategie di risoluzioni o di contrasto contro eventi che sembrano inspiegabili, che vanno dal semplice diverbio, ad una mancanza o un'offesa o ancora un contrasto forte fino a capire i moventi che spingono all'odio gli uni contro gli altri.
L'azione che porta violenza è sempre un arresto del bene, un bloccare la biofilia, cioè l'amore per la vita. Ma la legge naturale prevede che all'interno della società vi siano non solo forze biofile ma anche necrofile cioè che vanno a favore della morte. Sembra quasi una compensazione, un bilanciamento tra le due forze che si combattono: il bene e il male.
A volte una stessa persona può contenere in essa entrambe le forze e manifesta ora l'una ora l'altra con magnifica nonchalance.
Prevenire o prevedere la violenza è sempre difficile, ma trovare le strategie per arginarla è un dovere, per evitare che diventi un fatto di ordinaria quotidianità.


Commenta...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog