Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.

Non dare mai niente per scontato


Mi diverte e mi sono abituata ad andare a mare con mio padre in barca. E' da tanto che in estate non vado da nessuna parte come una volta, mi piace stare qui, dalle mie parti.E mi piace ancor di più andare in barca con papà. Siamo così sincronizzati che nessuno potrebbe capire il nostro ritmo. Non andiamo tutti i giorni, il mare stanca, ma quando stiamo insieme in barca, non abbiamo fretta, ci prendiamo tutto il tempo che vogliamo. Mio padre è paziente, non dice mai di dovermi affrettare e so che mi aspetterebbe all'infinito. A volte faccio tardi prima di arrivare al porto ma lui mai una parola di rimprovero. Mi aspetta sereno, con calma. Sa che prima di partire devo preparare la famiglia. Appena arrivo comincia ad allentare le gomene della barca per la partenza e poi finalmente andiamo. Non so cosa farei adesso se non ci fosse lui con me.
Dei miei, mio marito non ama il mare, trova sempre una scusa per rimandare, mia figlia è impegnata con lo studio ed io vado con mio padre. Sono diversi anni che navighiamo d'estate io e lui per il nostro mare. A volte do per scontato tutto questo, ma so che è un privilegio, avere mio padre che mi asseconda, mi aspetta, non dice mai di no ad ogni mia richiesta e oggi pensavo che questo è per me come un regalo. A volte siamo così abituati alle cose che abbiamo che non ci facciamo più caso. Sono fortunata ad andare con lui, mi porta in giro per la costa, mi racconta fatti, si confronta con me, manifesta i suoi sentimenti, si interessa di me. Prima non ci facevo caso, ero anche esigente e mi arrabbiavo quando non riuscivo a fare quello che avevo in testa. Adesso ho imparato ad apprezzare le cose, a capire quanto valgono. Mi piace molto più oggi la mia estate che una volta, quando partivamo per luoghi rinomati con i figli al seguito e tornavamo anche dopo un mese, a volte anche scontenti. Oggi sono contenta, di fare la vacanza del cuore, di non lasciare il mio mare, nè mio padre, di vedere tutti i giorni la costa e navigarla in lungo e in largo. Oggi avevo detto di voler andare a Capri, ma poi subito pentita per il tempo e la stanchezza con cui sarei tornata. Mio padre mi ha preso alla lettera. Ci siamo fermati a Sorrento per fare la nafta e subito partiti. Vento contro,  pian piano ci siamo avvicinati all'isola. Avere un capitano solo per me, è qualcosa di unico e impensabile. La sua flemma, la sua sicurezza mentre io sono sempre spaventata da tante cose, mi fa bene, mi rasserena. Nessuno mi mette serenità come mio padre, con lui mi sento sicura, sull'onda delle stesse emozioni, complici, veloci nel pensiero contrariamente alla tranquillità che abbiamo. Mi sono abituata a questo ritmo che mi piace. L'estate per me è questa, correre a mare con lui, nelle nostre lunghe corse, nei luoghi che amiamo e con le nostre chiacchierate che sanno di tanti discorsi. Ma come quando siamo troppo felici, poi vengono le paure e mi fa paura quando tutto questo non lo avrò più. Lui è fatalista, non fa problemi di  nulla, io invece penso continuamente, vorrei certezze che non ci sono, o che non abbiamo, nessuno, e allora ho imparato ad amare il giorno, l'ora, i minuti. E così faccio finta che sarà sempre così, all'infinito, un tempo infinito. Tutti vogliamo l'infinito quando quello che abbiamo è proprio quello che vogliamo. Ma a volte l'infinito è racchiuso proprio nella bellezza di certi momenti che sembrano eterni per quanto sono meravigliosi. E così, quando arrivo in barca tutta trafelata, sudata, con borse  e roba varia al seguito e mio padre, sereno, mi sorride, io mi sento beata. E poi quando tra tutte le cose da posare e sistemare prima di partire, mi chiede il caffè, io sorrido e anche lui a ruota. Ecco, questi sono momenti impagabili, che vorrei fermare. Ma so che sono già bloccati per sempre nella mia mente. E poi quando finalmente parte e cominciamo a tirare un sospiro di sollievo per avercela fatta, non penso più a niente. Solo che in quel momento sono il mozzo di bordo al seguito del mio comandante. Non do mai niente per scontato, questo è il mio motto di sempre.

Commenta...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog