Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.

L'affare Sonia 8

Sulla Madeira tutto procedeva per il meglio. Il carico era adatto per la nave che andava leggera, come una piuma sull'acqua. Il tempo clemente e una serenità prendeva gli animi dei marinai come sempre quando si ritornava a casa. Avevano oltrepassato lo stretto di Gibilterra e si trovavano in pieno Mediterraneo. Moreno con sicurezza dava ordini alla ciurma e prendeva atto delle condizioni della nave. Si trovava a fare quello che spesso vedeva fare al capitano: scendere in cabina e mandare giù bicchieri di whisky. Luca e Cicione si univano a lui e trascorrevano  momenti allegri  corroborati dal fatto che stavano per tornare a casa.                                                                                                                                

"Ragazzi, disse Moreno serio, ho avuto disposizione di entrare nel porto di Napoli e non posso fare scalo a Sorrento perché la nave deve essere controllata. Poi torneremo a casa in aliscafo".                                                                                                   
"Non capisco, rispose Luca, non puoi lasciarci a Sorrento e poi con calma portare la nave a Napoli?"
                                                                                              
"No, ribattè Moreno, la nave deve stare nel porto al più presto per dei controlli e forse prevedono una nuova nave al suo posto"
.                                                              
"Secondo te la compagnia spende tanti soldi e poi lascia andare così la Madeira?" disse serio Cicione.                                                                                                                                                                    
 "Direi di attraccare comunque a Sorrento e poi mandarla a Napoli per qualcuno della Iscasona.     Santo non ci aveva informato di questa novità!"                                                                                          
" Be’, disse  Moreno, non vedo il problema dov’è, dobbiamo solo posare la nave e ripartire per Sorrento. E poi sono io che decido, prendo il posto di Santo che non c’è  e  spetta a me sapere cosa fare”.                                                                                           
  “Ehi, non ti scaldare", disse Luca alzando la voce, quasi a voler prendere le difese di Santo! Ho solo esposto un parere”.                             
“Io non mi sto scaldando e se tu avessi un briciolo di cervello arriveresti da solo alle cose che ho detto! Dobbiamo attraccare a Napoli, è la società che dice questo e nemmeno io come vice sulla nave”.                                                                                                                                                                    
 “Sai che siamo premurosi di tornare a casa e per questo penso che la nostra idea di attraccare a Sorrento non sia malvagia. Personalmente non vedo l’ora di abbracciare mia moglie e i miei figli. Tu non hai questa esigenza e quindi per te un posto vale un altro”.                                                                                  
" Non è una colpa il fatto di non avere moglie e figli come te. Conosci i miei sentimenti e mi metti il dito nella piaga. Ho amato una sola donna e l’uomo che ha sposato non la merita”.                              “Moreno non essere cattivo a parlare male di Santo”.                                                                                                  
" Ti sembra giusto che se la spassi con quell' americana e mandi noi a portare il ramoscello d’olivo a casa?”                                                                                                                                           
"Adesso stai esagerando - sbottò Luca diventando viola per la rabbia. Non è onesto da parte  tua sparlare della persona che più ti ha aiutato da sempre.                                                                        Non sputare nel piatto in cui mangi, o per te l’amicizia non conta più?”                                                 " L’amicizia? Ho strisciato come un serpente dietro al tuo capitano facendomi pisciare in testa e la ricompensa è stata quella di sottrarmi la donna che amavo. Secondo te è stato un amico? Lasciarsi leccare le ferite da Alida per dimenticare l’americana”.                                                                                   "Ma non capisci che l’ha amata da sempre Sonia e che ha sposato Alida perché era incinta?          “Bel vigliacco ! Un matrimonio riparatore, dunque. Che senso ha? Devo vedere la donna che amo soffrire per un uomo che manco la guarda”.                                                                                                    "Dimentichi, disse Luca più serio e deciso più che mai, che Alida è sua moglie e non la tua e tu devi rispettare queste persone come hai fatto fino ad ora”.                                                                         " Rispettare! Che cosa sa lui di quello che provo a  sapere che appartiene a un altro? Sono cresciuto col pensiero del suo amore. l'ho vista crescere.                                                                                         La cosa che più mi fa male è sapere che non la ama. Se tra loro ci fosse un amore vero e sincero, soffrirei ma non così, me ne farei una ragione. La saprei protetta, felice. Così, invece, so che nel suo cuore ogni tanto pensa a me. Penso che appena tornati a casa  le dirò la verità. Così la smettiamo con questa farsa e non se ne parla più”, disse Moreno più minaccioso che mai.                                                                                                            
" Tu non le dirai proprio niente", gli tuonò Luca afferrandolo per il bavero della camicia "o se ti permetti, ti giuro che ti ammazzo".                                                                                                          " Tu non ammazzi nessuno, ruffiano" e gli sferrò un pugno in pieno viso. Luca cadde all’indietro  finendo sul tavolo tondo e di qui a terra, trascinandosi dietro tutto ciò che stava sul tavolo: bottiglie e bicchierini. Quando riebbe la forza di alzarsi si scagliò contro Moreno dandogli a sua volta due pugni.                                                                                                                                                          Nel frattempo, Cicione voleva dividerli ma gli fu impossibile, più che altro cercava di scansare le cose che erano di intralcio.                                                                                                            Raramente erano trascesi fino a quel punto, facendo a pugni, ma sapevano entrambi che ciò voleva dire che l’amicizia era ben salda e non avrebbero finito prima di ridursi in poltiglia. La cabina era quasi uno sfacelo. Moreno era riverso sul pavimento col sangue che gli colava dal naso e da una piccola ferita dietro ad un orecchio. Le forze gli mancavano e non riusciva a trovare un po’ di linfa per svegliarsi. Luca era caduto su di un divanetto, tutto stordito e preoccupato. Rispetto a Moreno aveva avuto la meglio. Cicione che fino ad allora aveva fatto da spettatore, si fece avanti solo perché resosi conto che il match era finito.                                                                                                           Non sapendo come rompere quel silenzio tombale che si era creato dopo che i due erano caduti entrambi stremati, esordì dicendo: “Scusatemi, ma io non ho capito se ci dirigiamo a Sorrento o a Napoli?” Moreno appena riuscì a focalizzare la scena e a recepire il messaggio proruppe in una lunga e rumorosa risata che riequilibrò la tensione poco prima maturata: “Sei il solito testa di cacca!”.           Luca si alzò e chiamò un ragazzo della ciurma con pattumiera e scopa per portare via i mille cocci dal pavimento. Moreno riavutasi dai colpi e asciugandosi il sangue, disse: “Bè, tutto sommato non è successo niente, abbiamo solo scaldato i muscoli, ogni tanto ci vuole. Vi lascio a Sorrento mentre io porto il legno a Napoli”. Luca si girò, lo guardò negli occhi e reputandosi  ancora suo amico gli disse: “Vorrei che questo episodio non si ripetesse mai più. Mi fido di te e non ho mai dubitato di te, ma devi convenire che talvolta trascendi come se avessi tracannato vino! Sono tuo amico quanto lo sono di Santo e dobbiamo essere obiettivi nelle considerazioni e non lasciarci offuscare dall’ira, essa porta sempre cattivi consigli!”                                                                                                                            "Hai ragione, Luca. E’ come se mi fossi trasformato in un altro!"
 La bomba scoppiata sulla Madeira per quanto concerne il rapporto tra Santo e la moglie aveva prodotto una strana reazione in Moreno: se per un verso conveniva con Luca nel ritenersi amico di Santo, d’altro canto non poteva mascherare i suoi sentimenti e visto che ormai essi erano alla mercè di tutti, voleva provare ad esternarli per provare anche le reazioni di Alida.                                                                                                        
                                                                                                                                         
Filippo era rimasto con il comandante. Non aveva avuto il coraggio di lasciarlo visto che si era preso cura di lui in modo eccellente. Alla villa dell’armatore, Filippo occupava una stanza con bagno e terrazzo tutto per sé. Mangiava divinamente, usciva come e quando voleva e non aveva mai fatto una vita da pascià come in quel momento. Dopo una settimana dalla partenza della Madeira da Santa Cruz, Santo aveva tolto l’ingessatura e la libertà ritrovata nei movimenti gli faceva acquisire una nuova energia, che, corroborata dall’amore di Sonia, assumeva i colori più belli della vita.         Avevano ripreso ad amarsi come una volta. Si raccontavano le precedenti esperienze descrivendole come momenti aridi e infelici, privi di quella luce che ora li illuminava.                                    
Percorrevano il bagnasciuga della spiaggia mano nella mano. Avevano fatto escursioni sul monte Teide e a Lanzarote. Sonia faceva da Cicerone e su quei massi bruciati dalla lava vulcanica avevano conosciuto la dolcezza dei baci e delle carezze, il sapore di quei corpi che si amavano.                                                                                                                       
 Sembrava che Santo avesse dimenticato di avere una famiglia ad attenderlo.  Come poteva lasciare ciò che per anni aveva costituito il suo sogno?  Sarebbe stato crudele staccarsi da Sonia per la seconda volta.                                                                            
Sonia, d’altra parte, era già stata presa di mira da personaggi dell’alta finanza, da armatori e amici di famiglia. Di famiglia aristocratica doveva sottostare a leggi precise per continuare a beneficiare dei privilegi che aveva.                                                                                         
La moglie del signor Krups era una perfetta padrona di casa. Era una donna gentile con i suoi ospiti e sempre serena di un tipo di serenità che si acquista solo col tempo quando si capiscono gli errori fatti e la ragione occupa il posto del cuore. In gioventù aveva l’ansia di vivere e di agire e fare esperienze. Invece col tempo, guardando da lontano, tutto era più chiaro.                                                                                                                                
 La signora Maggie aveva avuto una vita alquanto burrascosa. Proveniva da una famiglia di agricoltori americani che avevano sperperato al gioco tutte le proprietà. Lei aveva, contro il volere del padre e del fratello, abbandonato casa e famiglia e si era recata a New York. Aveva trovato un lavoro da cameriera e la sua tenacia l’aveva premiata. Racimolò qualche soldo e si cercò un nuovo posto. Fece parte, in seguito,  della catena di ristoranti della famiglia Krups. Qui fu assunta prima come cameriera qualificata, poi divenne coordinatrice di tutto il personale in uno degli alberghi del signor Krups padre. La sua bravura la sottopose all'attenzione degli altri, facendole prendere un posto nel cuore del vecchio Krups che le affidò la direzione di un albergo. Maggie fece molta strada e fu ben voluta da tutta la famiglia. Dava ordini in modo da fare invidia al miglior manager uscito dai corsi, tanto era precisa e rigorosa. Portava la contabilità di pari passo con il commercialista, prima per tenerlo d’occhio e poi per non fargli sfuggire niente. Subito divenne padrona di quel mondo e le sembrò uno sforzo immane, così che,non volendo perdere tutto quanto si era guadagnata, quando l’ottantenne vecchio Krups le chiese di sposarlo, lei non ci pensò due volte. La vita di Krups non sarebbe stata lunga e difatti dopo un anno il vecchio morì. Ebbe in eredità una buona fetta di patrimonio e questo non fu digerito dal giovane John, un dissipatore di sostanze e per niente attento. Aveva le mani bucate e non si rendeva conto che avrebbe perso tutto continuando a quel modo.
Maggie aveva un debole per John e aspettava con pazienza il momento favorevole per contrattare con lui.                                                                                                                                                                     Questi prima l’aveva derisa per il fatto di aver sposato il vecchio padre, e poi con rabbia l’aveva corteggiata. Maggie divenne la sua governante. Non riusciva a fare niente senza di lei. Poco dopo la sposò.                                                                                                                                                                 A quel tempo Maggie aveva fatto amicizia con la mamma di Sonia, Vanda che era arrivata in America contro la sua volontà e tanto risentita del fatto che sua figlia avesse lasciato quel caro ragazzo. Vanda si confidava con Maggie e lei le dava validi consigli come una sorella maggiore. La signora Maggie conosceva bene la storia di Sonia e Santo e quando l’aveva incontrato alla festa nella sua villa, guardandolo, aveva capito che era un bravo ragazzo e parlandogli si ricordò delle parole di Vanda: “ Se lo vedessi ti renderesti conto che è un ragazzo d’oro.                                                                 Intuendo in quale pasticcio si trovasse ora il capitano Santo, rifletteva sul da farsi. Voleva bene a Sonia e ne voleva alla sua mamma che era passata ad altra vita. Si sentiva di intercedere per la ragazza, per riconoscenza alla sua mamma che l’aveva tanto stimata ed amata. Pensò che Santo doveva rafforzare le sue spiccate qualità da marinaio per poter mettere su una flotta tutta sua e solo dopo, quando avrebbe avuto abbastanza mezzi, poteva presentarsi al padre di Sonia. Il nodo principale, però, era costituito dalla moglie e sapeva che Santo non l’amava.  Voleva aiutare la nipote e così una sera che Alida telefonò al numero che Santo le aveva dato, rispose lei in modo freddo e distaccato. Quella sera il signor Krups tornò a casa con della notizie per Santo: “Caro capitano, pensavo che, invece di partire con l'aereo, potrebbe portarmi il Sonia nel porto di Napoli per far partire un carico alimentare da Napoli per l’Africa. Comunque potrebbe sostare a casa fino a dieci giorni. Ovviamente questo discorso è privato tra me e lei e la solleva dagli incarichi della Iscasona.                                                                                               Ecco ho scommesso sulla sua pelle capitano. Ho parlato di lei in giro e ho raccontato la sua avventura. I miei amici non hanno creduto al carico messo in salvo da lei. Allora per convincerli  ho detto loro che in condizioni non perfette, con una ciurma sconosciuta e una nave a pezzi, lei sarebbe riuscito a portare a termine l’operazione. Ovviamente c’è una grossa somma di denaro per lei e per me e in più le darei la nave.                                                           


“ Signor Krups, vorrei un po’ di tempo per riflettere. Lei mi sta proponendo un grosso affare! Diciamo che oggi è lunedì, per sabato le darò la risposta”.                                                                                   
 L’offerta era proprio allettante, ma arrivava in un momento poco chiaro! Voleva tornare a casa ma non voleva lasciare Sonia, temeva di perderla di nuovo. D’altra parte l’armatore gli offriva l’opportunità di inseguire il sogno che aveva tanto accarezzato nel tempo: formare una piccola flotta così come insegnava l’armatore.                                                                                                                         
 Passò in rassegna tutti questi pensieri per una settimana, alla fine della quale accettò l’offerta dell’armatore. Sonia attese paziente la sua decisione senza influenzarlo. Doveva decidere da solo e Santo apprezzò molto questo gesto da parte di colei che reputava la sua donna. Raccolse le sue cose, invitò Filippo a fare altrettanto e dopo i saluti alla famiglia Krups si diresse al porto dove il Sonia ancorava come un trofeo. Sonia partì presto per il porto per poter stare con Santo da sola prima della partenza. Si lasciarono con tante cose da dirsi e tante promesse, situazioni da chiarire e decisioni da prendere. Un lungo abbraccio e poi un bacio appassionato sigillò quel momento così carico di apprensione. Santo per primo si staccò dall’abbraccio, prese il borsone e salì sulla nave senza voltarsi.

http://miosole.blogspot.it/2016/07/laffare-sonia-parte-settima.html

Commenta...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog