Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.

L'affare Sonia 13

Lampi e tuoni si scatenarono in quel tratto di mare nei primi giorni di luglio. Il capitano, nonostante le iniziali avversità, cercò di riposare in mezzo a quella tempesta dove peraltro non si poteva che sperare e pregare.

Alida sdraiata sotto gli aranci del giardino paterno si godeva la frescura degli alberi in un iniziale torrido luglio.  Era entrata nel quarto mese di gravidanza e cercava il riposo come mai prima. Era il terzo figlio e il dolore che le aveva dato Santo aveva reso quello stato ancora più pesante. Nel suo cuore cercava una giustificazione al comportamento di Santo. Avvolta nei suoi pensieri stentò a capire di avere delle fitte. Accorse in casa e si fece accompagnare in ospedale. Moreno andò da lei senza trattenersi, prestandole cure e attenzioni come a una moglie. Alida, dopo due settimane di cure e di riposo, perse il bambino con sua grande amarezza. Questo figlio era andato via con il padre. Santo aveva preso le sue ultime cose e la casa ora era veramente vuota. Tutto le sembrava un castigo: doveva ridare ciò che aveva preso. Il marito non era mai stato completamente suo. Restavano Marika e Federica, le sue uniche certezze. Sarebbero state solo sue. Santo avrebbe dovuto chiedere il permesso prima di poterle vedere. Avviò le pratiche del divorzio e cercò di preparare un piano affinchè le due bambine restassero con lei. Moreno si avvicinò a lei con tatto e tanto amore e Alida non oppose alcuna resistenza perché ora, più che mai, era consapevole che Santo non sarebbe più tornato da lei. L’amore spezzato tra lei e il marito era qualcosa di molto doloroso, ma capì solo allora che era stata la causa del suo dolore. Nell’attesa che Santo prendesse atto del divorzio, Alida e Moreno decisero di andare a vivere insieme con le bambine in una casa di loro proprietà sui colli.  All’inizio le piccole erano contrarie poi, grazie all’affetto di Moreno, si abituarono e fu tutto più naturale.D'altra parte le bambine vedevano il padre a fasi alterne ed erano abituate alle sue lunghe assenze.



La nuova situazione fu taciuta a Santo, il quale si preoccupava per le figlie, ma era alquanto vago con Alida. Ora non doveva più nascondere alcuna cosa, tutte le carte erano scoperte e la moglie conosceva bene i suoi sentimenti.
 Dall’altro capo del mondo Sonia era tornata alla sua vita di sempre: agiata e ricca di interessi. La parentesi  alle Canarie l’aveva come rinverdita. Euforica e piena di entusiasmo affrontava le sue giornate col pensiero che Santo sarebbe tornato definitivamente. Lo zio le aveva ricordato che tra qualche giorno ci sarebbe stato un gran galà per la scommessa effettuata e il circolo, presso il quale operava, offriva all'armatore un momento tutto personale. Sonia doveva trovarsi lì prima di suo zio perché questi avrebbe avuto qualche ritardo. Sonia era ben lieta di partecipare ad una festa dove l’eroe era proprio Santo anche se solo virtualmente.                                        
 Arrivata alla grande villa di Long Island fu ricevuta da Micky, il figlio dell’armatore Jeffrey Connelly, un uomo sulla quarantina, grande esperto di navi e …di donne. Da tempo solcava i mari della bella Sonia senza successo. Ormai aveva perso ogni speranza pur subendone il fascino e ogni qualvolta la incontrava era sempre gentile, dolce e affettuoso sembrando di nutrire un’ultima speranza.                                                                                                                                                                         
“ Cara Sonia , vederti è sempre un piacere immenso !”                                                                             “ Ciao Micky , chiedo venia per il ritardo, ma spero mi perdonerai!”                                                       “Conosco le donne e l’attesa è il momento più bello per conoscerle perché ti devi sforzare a capirle
come non si farà più in seguito.”                                                                                                                “Sempre originale!”                                                                                                                                   “Per te  questo è poco.”                                                                                                                             “ Mi stai adulando Micky”                                                                                                                                     
“Tranquilla ho perso le speranze con te, ma posso sempre ricominciare!”                                              “Non potresti ora che sono di nuovo in compagnia!”                                                                                 Micky divenne quasi serio: “Dici sul serio? E chi è quel fortunato che già invidio e odio con tutto me stesso?”                                                                                                                                                        “Non te lo dirò perché non saresti capace di mantenere un segreto!”                                          
“Vuol dire che se la cosa è seria il segreto non serve o devo arguire che la sua presenza questa sera
è molto vicina a noi?”                                                                                                                               Sonia consapevole del fatto di aver parlato troppo cercò di aggiustare le cose cambiando discorso:            
“Tu piuttosto, cosa mi dici? Hai trovato l’anima gemella?”                                                                        “ Nessuna eguaglia te e sei diventata il mio termine di paragone, aspetto con pazienza che
tu ti decida”.                                                                                                                                              “Mi dispiace Micky, disse Sonia in modo serio, so di averti dato un dispiacere, ma non mi piace
illudere le persone e con te sono stata chiara”.                                                                                           “Lo so cara, lasciami almeno la speranza di potercela fare.”                                                                     I due si avviarono all’interno della villa dove si teneva un ricco buffet. Nella sala adiacente si ballava a ritmo di blues. Il signor Connelly, padre di Micky, andò incontro a Sonia con un bicchiere in mano.                                                                                                                                                          “Brindo al tuo splendore mia cara! Sempre bella e in gamba!”                                                                “Grazie signor Connelly, mio zio sarà qui a momenti!”                                                                             “E’ sempre un piacere la compagnia di suo zio, questa festa è per la sua grande scommessa e spero arrivi quanto prima”.                                                                                                                                   Sonia salutò la grande aristocrazia newyorchese: la signora Sandy Connelly amica della sua cara mamma, il fratello di Micky, Tom, molto più giovane, la sua ragazza Jennifer e altri amici dello zio. Quella casa le era nota da quando era ragazzina e ne conosceva ogni meandro. Tutto quel benessere sembrava stantio, irrespirabile, a tratti la nauseava. Quella vita sapeva di noia, di poca fantasia, colore, tutto così scontato senza mordente. La sua forza era Santo e da solo valeva quel mondo. Aveva ancora il suo respiro lì sul viso e aspettava con ansia il momento di riabbracciarlo. La sua assenza era insopportabile e lì nel chiasso e nello sfarzo sognava di ballare con lui. La signora Baker, una novantenne arzilla e vivace la portò in disparte per parlare del nipote Mickey.
 “Il mio povero ragazzo non fa altro che vedere lei Sonia. Vedesse nella sua camera ha creato un poster con su il suo viso. Ah, spera sempre in un suo ritorno. Sa ha acquistato un nuovo cavallo, uno stallone giunto dall’Argentina che ha chiamato Sonia, Son per tutti gli altri. A me quel povero ragazzo confida tutto, sa che mi resta poco tempo e porterò via tutti i suoi segreti e mi ha detto che se non ci sono più speranze non prenderà nessun’altra”.                                       
Sonia ascoltava senza fiatare. Non aveva mai saputo di questa venerazione nei suoi confronti e si  rammaricava per la sofferenza di quel povero ragazzo.                                                                          “Mi dispiace signora Baker, ma Mickey lo sa, ne abbiamo parlato.                                                        “Sa quel ragazzo è capace di tutto, per una delusione potrebbe anche ammazzarsi.”                              “Oh, non dica così!”                                                                                                                                   “Lo dico perché ho visto la sua pistola nel cassetto dello studio. Di tanto in tanto va nel cassetto la prende, l’accarezza e la risposa. Lui non sa che io l’ho visto più di una volta.”                                  
“ Non dica così signora Baker che non posso crederci”.                                                                                    
L’anziana donna era riuscita a captare l’attenzione di Sonia che cominciava a credere seriamente a quella storia. Pensava a quanto fosse crudele soffrire per amore e Mickey soffriva per lei.    
In quel momento, Micky la rapì letteralmente e la condusse in pista per un lento caloroso. Sonia non potè sottrarsi a quella morsa e dopo poco chiese di poter bere un po’ d’acqua ma, non ebbe il tempo perché cadde a terra svenuta. Accorsero in molti. Micky la condusse nella stanza con i divani, la distese e le accarezzava la mano. Sonia ebbe la sensazione di essere caduta nella tana del lupo e chiese subito di ritornare a casa.                                                                                                   
Al suo ingresso alla villa, John Krups notò l’assenza della nipote e prese il fatto come una mancanza nei suoi confronti, poi dovette convenire che Sonia aveva avuto un malore e cominciò a preoccuparsi seriamente.                                                                                                                                  
 Il controllo medico del giorno dopo chiarì l’accaduto in modo esplicito, poiché le fu detto che era incinta. Fu una notizia che non si aspettava. Avrebbe dovuto dirlo a Santo ma come? Come avrebbe preso la notizia zio John? Che cosa avrebbero pensato le figlie? Si era cacciata in un brutto pasticcio. A pensarci bene quel figlio era una benedizione per lei. Il figlio dell’amore, del suo amore. Come poteva salvare la sua reputazione alla luce del fatto che non avrebbe fatto il nome di Santo? Avvisare lui in quel momento era impossibile, ma d’altra parte doveva pur dirlo al suo uomo, era quasi un dovere.                                                                                    
John Krups andò a fare visita alla nipote il giorno seguente per accertarsi che non ci fosse nulla di grave.                                                                                                                                                          Sonia gli nascose il reale motivo del malessere. Krups le parlò di Micky Connelly, di Santo che aveva avuto qualche problema, della scommessa che se fosse andata in porto, gli avrebbe fruttato un bel po’ di quattrini da investire in un altro affare. E fu circa questo nuovo affare su cui ruotò la conversazione con Sonia.                                                                                                                             
“Cara ti dico subito il mio sogno! Sai che non riesco a nasconderti proprio nulla! Ho saputo che Jeffrey Connelly ha deciso di liberarsi della sua flotta, una notizia costatami molto: 20 navi sparse tra l’Atlantico e l’Oceano Indiano che vorrei rilevare. Sei la prima persona alla quale lo dico. Certo è che il dolore di quel figlio non ancora accasato lo fa tentennare dal vendere. Se tu potessi giocarti quel ragazzotto di Micky, mi faciliteresti di molto il compito. Il povero Jeffrey non ha bisogno di quelle venti navi, ha fatto tanti investimenti che da soli gli frutteranno come funghi.                    
“Zio ti rendi conto di che cosa dici? Io non posso illudere quella persona, non ne sono innamorata!”                                                                                                                                                             “Cara, voi donne avete arti che noi uomini possiamo solo immaginare. La compagnia femminile vale molto più di venti navi. Per quanto può sembrare venale non tradirei mai tua zia, è la persona più alta nella scala dei miei valori. Diciamo pure che dovresti tenere la corda fino a quando non prendo le navi, ovviamente dopo la vittoria della Sonia.”

  http://miosole.blogspot.it/2016/08/laffare-sonia-12.html

Commenta... 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog