Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.

Genitori e figli



C’è la convinzione, tra gli adulti, che i giovani debbano fare esperienza e cavarsela da soli, un modo per rafforzare il carattere. Quei genitori, che a loro volta non hanno avuto le dovute cure, ora, adottano lo stesso atteggiamento con i figli, lasciandoli a se stessi, come se la libertà o lo sbaraglio li forgiasse meglio dell’esempio e del controllo genitoriale.  Se ce l’abbiamo fatta noi, ce la faranno anche loro! Questo il pensiero ricorrente. C’è poi la convinzione tra i giovani, soprattutto tra gli adolescenti, di essere presi in considerazione  solo se si atteggiano a “grandi”, un po’ per spogliarsi del “piccolo” che ancora si portano dentro, un po’ per sperimentare la vita adulta. Come si spiega questa voglia di sfuggire alla propria età, come un abito troppo stretto? I genitori protraggono la loro giovinezza, almeno idealmente, e lasciano che i figli facciano di testa loro, ricordando che, alla loro età, si comportavano allo stesso modo. Sono amici dei figli, li coprono, li assecondano. Si tengono a debita distanza dalle loro sfere inaccessibili quali sesso, amicizie, amori, progetti. I giovani oggi hanno genitori deboli, come adolescenti che ancora aspettano di dare vita ai sogni e di avere fortuna per i loro progetti giovanili. Attendono cambiamenti e hanno pretese  come se non avessero messo al mondo figli e questi non rientrassero nei loro progetti da portare a termine. Il discorso non cambia per quei genitori che dirigono i figli come marionette,  aspettandosi da loro onori e gloria per sfamare quel bisogno di continuità nel figlio, come se questi non avesse una sua identità e volontà. I giovani hanno bisogno dei loro simili per comunicare, confrontarsi, aiutarsi. E quando non hanno altro, ci pensa la droga, l’alcool, molto più immediati, ubbidienti, aderenti alle esigenze del momento. L’uso di droga è diventato sfacciato, non si fa più caso se è notte o giorno, se in un posto riparato o in una metropolitana, ogni momento o luogo è quello giusto. A questo punto bisogna chiedersi quando la cosa sia sfuggita di mano, quando la nostra debolezza abbia preso il sopravvento lasciando il figlio in un limbo, da solo, a gestirsi in situazioni più grandi di lui. Conosco una madre andata in analisi per voler aiutare suo figlio, partendo da se stessa, e solo dopo è riuscita a penetrare quel mondo ostile “del suo bambino”. Basta crederli grandi, che decliniamo ogni responsabilità. E non c’entra se li abbiamo forniti di beni materiali, ma solo quanto si sia preso a cuore la loro formazione, quanti pensieri positivi depositati nel loro animo, quanta fiducia accordata, quanto affetto manifestato, quanto siamo disposti a fare per loro senza mettere in primis il nostro narcisismo, arroganza, presunzione di essere il meglio, facendo, in questo modo, un danno irreparabile in lui. Comunicare è trovare un posto nel cuore dell’altro, creare un rapporto profondo. Non dobbiamo promettere ma presentargli la vita nei suoi vari aspetti, evitando di edulcorare le verità. Anche lo scontro è necessario. I sentimenti non vanno né smorzati né esagerati. Se proviamo affetto, dimostriamoglielo, lo stesso se siamo contrariati, se non approviamo, se abbiamo paura per quello che fa. Un genitore non è un dio, cerca solo di sperimentare e capire la strada giusta. Ma quanti hanno il coraggio di chiedere al figlio da dove viene, con chi esce, se sta bene, qual è la sua situazione affettiva, quali i suoi desideri, i suoi sogni e le sue paure? Se queste domande pensate siano troppo personali, immaginate quanto lo sia ritrovarsi un figlio estraneo. I silenzi in certi casi amplificano le difficoltà,  e non fanno altro che indurli a chiudersi in quella scatolina telefono che contiene tutto ciò di cui hanno bisogno e da cui escono fuori proprio i genitori. Fate caso: i figli non seguono i genitori su fb, non partecipano a eventi con loro, non vogliono che questi vadano a scuola, che si impiccino, che  controllino. E’un atteggiamento dell’età, della crescita, di quel bisogno di mostrarsi adulto. Simulano comportamenti di persone vissute e magari hanno solo paura. A volte è bene invadere il campo altrui, il modo migliore per conoscerlo, mentre a starne fuori si finisce per non entrarci più. Un genitore che non percorre la strada del figlio e lo lascia crescere come una pianta sferzata dalle intemperie, credendo che così si irrobustisca, non sospetta che il vento e l’acqua possano anche abbatterlo non trovando solide radici? La droga non è solo una sostanza, ma una risposta rapida alle emozioni dell’adolescenza. Induce a una sospensione dal mondo, allontana dal quotidiano che a volte è quello che più respingono. Poi ci sono le mode da seguire, gli altri da assecondare, provare… E poi si cade in trappole, in zone d’ombra, in vertiginosi vuoti e solitudini. Allo stesso modo l’alcool ipnotizza, dona oblio, dà la sensazione di essere grande. Ci sono poi quei genitori che credono di avere figli ineccepibili, al di sopra degli altri, avendo impartito  loro un’educazione esemplare, così tanto che i figli gli nascondono tutto. E’ così che langue la gioventù, sotto gli occhi distratti o meravigliati dei genitori, che quando prendono in considerazione il problema, è troppo tardi. E poi ci sono a questo punto le frasi di circostanze che non servono a nessuno: ma è un bravo ragazzo, è di buona famiglia, è tanto caro, non me lo sarei aspettato. Chi assume sostanze, lo fa con continuità. La droga va combattuta con forza e non con silenzi o con la speranza che sia solo una brutta esperienza che prima o poi passerà. Bisogna armarsi di pazienza, voglia di farcela, sia figli che genitori. Il vuoto, la non comunicazione, l’indifferenza, la pretesa sono atteggiamenti nocivi. I figli vanno “marcati” come un territorio da difendere. Bisogna averne il controllo come si fa per qualsiasi bene. E mai mollare la presa! Una famiglia che crede di non farcela ha il dovere di chiedere aiuto. La droga è un problema di tutti, non una vergogna. La vergogna è di una società che guarda indifferente alla caduta dei giovani! 

Commenta...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog