Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.

I Re Magi


Quando riponiamo i pastori nella scatola per riprenderli l’anno successivo, immancabilmente qualcuno può rompersi e tra questi di sicuro uno dei Magi. La posa regale, il peso del mantello, il copricapo, l’abito sontuoso, i doni in mano, sui loro cammelli in atto di avanzare, tutto contribuisce a fargli perdere l’equilibrio e facilmente accade che si perda una testa, una zampa di animale, un piede. Sono troppo massicci rispetto agli altri pezzi del presepe. Che capanna sarebbe senza i Magi? Così vuole la tradizione e noi gli diamo un posto d’onore davanti alla scena. E poi offrono al Bambino doni speciali: oro, incenso e mirra. Ai Magi è legata poi la stella cometa che annuncia la nascita di Gesù, per cui si mettono in cammino per andare ad adorarlo. Sono duemila anni che raccontiamo questa storia, la rappresentiamo e ci crediamo e ne abbiamo bisogno come tutte le storie della letteratura. Accanto al testo sacro dei Cristiani, la Bibbia, la cui conoscenza releghiamo alla lettura domenicale in chiesa, c’è anche la scienza che si pone domande quando la  leggenda e l’aspetto letterario delle sacre scritture, col potere di incantarci da secoli, non collimano con fatti storici o scientifici realmente accaduti. Dopo un’attenta analisi le cose non stanno proprio così. Ci piace che i Magi siano tre, forse per rappresentare il numero perfetto. Si chiamavano Gasparre, Melchiorre e Baldassarre e abbiamo fatto sforzi di memoria e di pronuncia a imparare quei nomi strani. Siamo sicuri che si chiamassero così? E se fossero stati di più o di meno? E ancora i doni, solo tre, come il numero dei Magi. Insomma la faccenda non è semplice da dipanare. Sappiamo per certo che se ne parla solo nel Vangelo di Matteo (2,1-12), 12 versetti in tutto, gli altri non fanno menzione dei Magi, a meno che non si faccia riferimento ai Vangeli apocrifi. E chi sono i Magi? Dei re? Da dove venivano realmente? Sicuro che portavano solo oro, incenso e mirra? Essi erano astrologi, capaci di interpretare sogni e leggere gli astri e tra loro qualcuno fu re. Possiamo dire che nel Vangelo di Matteo si fa riferimento ad “alcuni”e non a tre. Il dubbio sul numero ci viene da immagini dove se ne trovano a volte due, altre, quattro. E poi la cometa. Di quale stella parliamo? Secondo Plinio il Vecchio diverse stelle con la coda si videro molto prima della nascita di Gesù. Il fatto che giunga a noi una cometa sarà tutta colpa di Giotto che dipinse la stella con una scia così come aveva osservato il fenomeno della stella di Halley nel 1301, rappresentandola poi nel 1303. Ma quando nacque Gesù non ci fu nessuna cometa. Il fenomeno di cui si parla è da identificare come una congiunzione dei pianeti Giove e Saturno che in un anno furono molto vicini. Questa è la tesi di Corrado Lamberti direttore della rivista Le stelle. La possibilità che si tratti di questo fenomeno la si riscontra su tavolette babilonesi che preannunciavano l’avvenimento. Accadde verso il 4 a.C. e quindi dobbiamo anticipare la nascita di Gesù che molto probabilmente avvenne entro l’8 a.C. e non così tardi se Erode morì nel 4 a.C. e fu colui che ordinò la strage degli innocenti. Fu proprio in base al calcolo della stella che la nascita di Gesù è stata anticipata. Per quanto riguarda l’Oriente questo potrebbe essere l’Iran, per il fatto che era il paese che  possedeva i tre doni dei Magi. Ma poteva essere anche l’Iraq o l’Arabia, cioè paesi percorribili con i cammelli e ricchi di merci preziose. Secondo altri scritti i Magi non trasportavano solo i doni di cui sappiamo, ma vere e proprie carovane di ogni genere di merce. Ma tutto questo a noi non interessa se sono tanti anni che continuiamo a posizionare i nostri Magi nel presepe, fanno parte della nostra tradizione con i loro doni di rilievo come la mirra: una pianta medicinale da cui si estrae resina, simbolo della cura; l’incenso simbolo della purezza e l’oro che rappresenta la regalità. Ecco il motivo per cui quando li sistemiamo, lo facciamo con la massima cura: sono i pezzi più importanti dopo la Famiglia e adorano il Re dei Re. Quel Re di cui ebbe paura Erode il Grande, così tanto da emanare un editto con cui ordinava la morte di tutti i primogeniti maschi. Non sempre la scienza e lo storia insieme riescono a scalfire quello che la tradizione e la leggenda hanno costruito in noi: una capanna intoccabile dove ogni pastore ha un ruolo fondamentale.

Commenta...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog