Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.

La geostoria


Risultati immagini per la geostoria

E’ opinione comune che la storia e la geografia siano discipline distanti tra loro. Così almeno è stato fino a poco tempo fa. Oggi spazio e tempo sono più vicini. Da quando siamo figli della globalizzazione, crediamo di conoscere bene il pianeta così come trasformiamo la storia a nostro tornaconto, tanto si sa che è scritta dai vincitori. Storia e geografia si completano e l’una serve dell’altra per raccontarsi. Nel romanzo di Giulio Verne, Il Giro del mondo in 80 giorni, il protagonista, Phileas Fogg, vince la scommessa per aver guadagnato un giorno viaggiando verso Est. Un espediente questo per scrivere un romanzo alla scoperta del mondo come voleva la cultura  positivistica in pieno periodo delle scienze applicate.  Il passaggio di quattro continenti  lascia il lettore meravigliato per quello che impara dai luoghi visitati. Così, accompagnato da Passepartout, Fogg parte da Londra per Parigi, arriva a Brindisi, attraversa Suez e poi Aden, da lì a Bombay. Ancora Calcutta, Singapore, Hong Kong, Shangai, Yokohama, San Francisco, Omaha, New York, Liverpool, Londra. Un viaggio che tocca appena le mete, quanto basta per apprendere usi e costumi del posto. Conoscere l’esatta collocazione di un luogo nel mondo così come conoscerne di nuovi è prendersi cura del nostro pianeta. Una volta l’Atlante era strumento indispensabile dove si sottolineavano le capitali, i fiumi, i monti, i laghi, i confini, le città... Studiare un paese era un po’ come partire. Ricordo che la mia insegnante esigeva che appoggiassimo il dito esattamente al centro del nome preso in considerazione, senza guardare la cartina. Ma oggi  perchè applicarci se ci pensano le agenzie a spedirci nei posti, Google a fornirci coordinate,  mappe, foto, magari di mete dove non andremo mai ma in cui abbiamo l’illusione di essere stati. Dalla Tavola Peutingeriana alla scoperta dell’America, ai viaggi di Marco Polo, alla colonizzazione delle Americhe le carte hanno fatto un lungo cammino. La cartografia è relegata agli esami universitari mentre nelle scuole il percorso è breve e snello.  Chi vuoi che si cimenti nella spiegazione delle isoipse, della riduzione in scala, delle carte tematiche o mappe, se i programmi non prevedono che pochissime ore a settimana?  Ma se portano via la geografia come si potrà pensare di studiare la storia? Come studiare le Crociate senza la geografia dei territori interessati o la politica di Carlo V con un regno che si estendeva dalla Spagna ai Paesi Bassi, se non cominciando dall’aspetto fisico e politico dei paesi chiamati in causa? E come comprendere la storia della prima guerra mondiale senza la carta fisica alla mano che mostri il nostro paese prima del conflitto e della terza guerra d’Indipendenza, vista la relazione tra i due fatti storici?   La storia parla del passato, per mezzo di fonti, di documenti, in libri scritti  da esperti e  accademici. La storia  è porsi domande sul passato e sul futuro mettendo in luce quello che altri hanno fatto prima di noi. La geografia fornisce dati alla storia e quest’ultima usufruisce dell’altra. Con il satellite, poi, controlliamo i confini del mondo come se lo avessimo in mano. Più la tecnologia ci semplifica la conoscenza, più non approfondiamo. Spazio e tempo intanto oggi camminano insieme ed e’ impensabile escludere dalla nostra attenzione due discipline così importanti. Sarebbe come instaurare un processo inverso al progresso e alla nostra umanità.  

Commenta...                                   

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog