Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.

Itarella e le altre storie...La recita di Natale

Itarella è nel treno di ritorno da Torino dove è andata a una fiera di cosmetici dimagranti e rassodanti che fanno giusto il suo caso e si rivolge all’amica che la segue in ogni sua trasferta: “Annuccia mia a Natale forse farà l’angiulillo! E che me sta facenno passà. A maestra dice che la devo mettere solo sul palco, poi basta così”.
“Comm’ è non parla? Deve solo apparire?”
“Meno male che appare, quella l’aveva proprio scartata! Io, quando l’ho saputo, sono andata a scuola e gliel’ ho detto” Comm’è, Annuccia mia nun fa niente? E io che dico al padre, al nonno, alla nonna, alle zie, alle cugine, che Annuccia mia nun fa niente? E chella mi risponde:” Partecipa al coro, mica non fa niente. Non fa una parte da solista, ma è parte integrante dello spettacolo”.
“Ha ragione, tutte ‘ste mamme che corrono a scuola per vedere i figli sul palco, il vero palco è la vita!” “Embè, da un palco deve pure cominciare e noi cominciamo dalla scuola. Allora, prima voleva farle fare il pastore. Annuccia mia, così aggraziata, nu pastore! Allevo na cratura pe’ e pecore? Quando poi sarà sul palco vero, quello della vita, quella si troverà il lupo, altro che pecore! Allora ho detto: “Nunn è cosa! Così le cambia parte e le dà quella della pecorella. Di male in peggio! Me la voleva inibire! Quella che non parla, non riusciva a fare nemmeno beeeeeeeeeee!!!”
“Ma questa è violenza, andare a scuola a intimorire l’insegnante per un personaggio della recita. Itarè, ma che fai? Tu devi essere una mamma moderna”.
“Ma c’è qualcosa di più tenero della recita di Natale? Che Natale sarebbe senza la rappresentazione, i canti, le belle parole dei nostri bambini? Ogni mamma vo vedè o figlio sul palco. Li portiamo a scuola per vederli anche recitare. E se non ci fosse questo trampolino di lancio natalizio, sti creature non si lanciano mai nella vita?”
“Itarè, ma la scuola non è un teatro. E allora, Annuccia cosa interpreta? La pecorella?”
“A creatura mia a belare nun l’avrei mai permesso. Lei voleva fare la Marunnella anche per l’amico del cuore che fa San Giuseppe, e a me piacevano assaje tutti e due, là, dint’ a grotta, co’ bue e l’asinello, a lucella ra pila, o ppoc e paglia, e manine giunte, l’aureola in testa, ncopp o scannetiello… Io speravo tanto che Annuccia facess’ a Marunnella, ma chella ‘nzipeta ra maestra ha detto che era troppa piccerella per la parte di Maria, ci voleva una Madonna grossa, che se vedesse, accussì c’a mise na colossa e Rodi, na creatura che più che la Madonna me pare na valchiria. Lasciamm sta! E po’ vicino o presepe se spaventano tutti quanti.
“E quindi? Farà la pecora?”
“Ho preteso che le desse un’altra parte. La terza volta mi ha proposto l’asinello. U’ Maronna mia, na creatura accungiulella comme Annuccia mia, sprecata pe n’asino, tu ce pienz??? Allora la maestra mi ha detto che il presepe chillo è, e parte chelle song, non c’era da scegliere. Che delusione! Avevo già informato a famiglia da recita e Annuccia, e la zia mi fa:” Sicuramente sarà na Marunnella aggraziata”. Mo chi c’ o va a dicere ch’ a maestra voleva che facesse l’asinello? Quann so turnata a casa aggio ritt’ ad Annuccia ca nun era cosa e Cosimuccio mio ha dato ordine che se nun fa a Marunnella nun se spendono soldi per il vestito. Si adda recità, adda essere na parta bbona, altrimenti resta a casa. E accussì song iuta a scola n’ata vota e chella povera maestra mi ha detto che se la creatura se poteva sta ferma pe nu paio d’ore, le faceva fare l’angiulillo. Ahhhh, aggio penzato, finalmente na parta bbona dopo a Marunnella che le andava a pennello! Chi poteva farla più di lei, che nun se move, nun parla, non si gira’. A casa erano tutti felici, a zia non ha detto ‘na parola e finalmente è andata a comprarsi il vestito nuovo per l’occasione, tutti hanno dato cenno di vita”.
“E invece? Non deve fare l’angiulillo?”
“Doveva”.
“Itarè, che pazienza sta maestra, ma a te nun te va bbuon niente, chest no, chell no, chist accussì, chill’ata accullì, se po sape’? Chesta è na recita o chèèè???”
“Tu nun capisci che tutto il Natale a casa nostra quest’anno ruota attorno alla recita. La bambina deve sostenere una parte dignitosa, che figura ci facciamo con i vicini, i parenti se Annuccia nun fa na parta bbona?”
“Ti ricordo che è una recita, non un debutto in teatro!”
“E chi lo può dire, a figlia mia copp a ‘nu palco a vita!”
“Le figlie si rovinano per i sogni delle mamme, Itarè. E’ una bambina e deve partecipare alla recita come tutti gli altri, non è un’esibizione. Spero non avrai fatto storie per quanti minuti starà in scena, già mi immagino quello che avrai potuto dire”.
“Sient, mia figlia ha peso, misura e qualità, e deve stare in scena, e se la parte non lo permette, la allungano, così la possiamo ammirare. L’anno scorso, la mastra della mia amica Concetta ha scritto ʼnu papiello solo per il figlio per farlo stare in scena il più possibile”.
“Che vuoi dire, che devono allungare la parte pure ad Annuccia? Ma se quella si vergogna e non parla?”
“Ho detto all’insegnante che è un buon motivo per creare una parte adatta a lei che le dia la possibilità di scioglierle la lingua, anzi lo esigo, la scuola deve tener conto di questo”.
“E alla fine cosa farà Annuccia, l’angiulillo?”
“No, la lavandaia! L’angiulillo aveva sta appiso e Annuccia tene e vertigini, invece a lei piace sciacquare e tenere le mani dell’acqua. Nun dice ‘na parola, ma sta in scena tutto il tempo divertendosi anche a lavare col sapone vero. ‘A zia ha detto che le dà i panni da lavare, così tutti potranno ammirarla!”
“Ammirarla per cosa Itarè?”
“Quant’ è bella a ninnella mia!”
“Bastava metterla in una vetrina!”
“Domani ci saranno le prove, però Annuccia tiene un poco di febbre, se non si sente bene, le mani nell’acqua non gliele faccio mettere, allora farà solo l’acqua, s’adda mettere solo un vestito d’argento stesa per terra, ncoppo a nu materassino, sennò piglia freddo. Ma se starà troppo agitata per la medicina presa, può fare pure l’angiulillo, tengo pure o vestito adatto, semp ca nun vena a mancà a Marunnella, per la febbre anche lei, in quel caso a parte e a soja!”

Commenta...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog