Il vero Natale




Natale arriva senza accorgercene. In questi anni di consumismo sfrenato si sente l’esigenza di una spiritualità dell’essere e bisognerebbe ascoltarla nei silenzi, lontano dai clamori e dagli schiamazzi, dalle imposizioni degli acquisti e dello spreco. Non è facile restare un po’ con noi, farci compagnia senza costrizioni. Vige sempre un frastuono, una caotica realtà che blocca questo flusso di coscienza. Le luci danno regalità all’evento, i doni importanza a quanto accade, il cibo solennità a ciò che si svolge. Eppure la vera festa è una riconciliazione con noi stessi, in quella capanna, con la mangiatoia prima vuota e poi riscaldata dal corpo di un bambino, sotto quella stella custode della nascita. La rumorosità della vita moderna ci impedisce di isolarci, di provare a comunicare con noi stessi. E’ quello che il Bambino ci ha insegnato: nascere in un deserto e non in una reggia, in una città dal nome semplice, Betlemme, che significa “casa del pane”, quel bambino che nessuno riconobbe, se non i pastori e i Magi, cioè gli umili e i saggi. Un abete nasce al freddo e al gelo, ma nei nostri salotti assume l’aspetto di un cono protetto dal calore delle case. I regali devono essere rappresentativi della nostra potenza, del nostro status, mentre basta poco per dire al prossimo che è nei nostri pensieri. I veri doni sono quelli che non possiamo permetterci: ascoltare qualcuno con vero interesse, spendere tempo per una giusta causa, impegnarci in un progetto impossibile, curare chi ne ha bisogno, dare spazio a chi non viene preso in considerazione. Il nostro essere vive di opere e non sfarzi, si arricchisce col calore degli altri e ci vuole sempre padroni di noi stessi. Il Natale dovrebbe essere sobrio, giusto il necessario, con poche cose, quelle di cui realmente abbiamo bisogno. E dopo averle fatte nostre, dovremmo saperle insegnare ai nostri figli, agli amici, a coloro che vivono intorno. E’ quello che ci insegna il Re, la capanna, con umili e saggi, la luce sul capo, un progetto da costruire. Chissà che cosa sarebbe successo se il re fosse nato a palazzo, contornato da ministri, pieno di ricchezze. Lo avevano temuto e per questo cercato di eliminare con l’uccisione dei primogeniti maschi. Ma il re si nasconde a tutti nascendo povero. Spesso nel contrario delle cose si trovano le verità. Il Bambino era la verità. Quanti bambini ci sono per Natale? Quanti bambini possiamo contare? Un bambino non adula, non finge, non trae in inganno, non si nega… Un bambino è ingenuo, novello in ogni situazione, vero, spontaneo. Sono gli adulti che crescendo sanno fingere, sanno bleffare, sanno fare del male, ordiscono trame, diventano altro, molto altro, lontani dal loro stesso bambino. Si dice che sia la vita a chiederlo. Cosa ci chiede la vita? Di condurre il bambino che ognuno si ritrova a essere per il mondo, nelle esperienze della vita. Tutto il bagliore della festa dovrebbe servire a ricordarci quanto tutto questo sia importante e necessario. Sono così poche le volte che lo ascoltiamo che diventa difficile riconoscerne anche la voce. Molto spesso è il ruggito di un essere in gabbia, perduto e insoddisfatto. Ogni nostro gesto risponde a un’esigenza esterna e non il piccolo re in noi. Siamo chiamati a rispondere alla vita che ci vuole sempre più in competizione con noi stessi. Ma se riuscissimo a fare spazio a quel piccolo che dentro aspetta, sentiremmo una musica diversa. E allora permettiamoci le luci più splendenti che fanno girare la testa a chi giunge per ammirarle, come i Magi nel deserto richiamati dalla cometa, ma allo stesso tempo dimostriamo quanto quelle luci siano l’illuminazione che alberga dentro di noi, e quanto capaci di cullare quel bambino da duemila anni, come il parente più prossimo da amare.
 

Commenta...

Nessun commento:

Posta un commento

Per aggiungere "Il mio sole" ai tuoi Blog e Siti Preferiti del web clicca questo rigo!

Benvenuti nel Blog dell'artista Filomena Baratto.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Filomena Baratto è presente anche sul sito artistico Dimensione Arte.

Cerca nel blog